Infortunio sul lavoro: l’indennizzo INAIL e il Risarcimento

Le nostre leggi tutelano molto il lavoratore e parecchia importanza viene data alle norme per la prevenzione degli Infortuni sul Lavoro. il nostro Codice Penale prevede un trattamento sanzionatorio aggravato nell’ipotesi in cui le lesioni siano gravi o gravissime e derivino dalla violazione delle norme di prevenzione.

Nonostante le leggi in materia di prevenzione siano sempre più severe purtroppo si legge sui giornali e si sente in televisione che gli Infortuni sul Lavoro sono in aumento. Le persone che hanno avuto un incidente di lavoro e che hanno subito un danno mentre lavorano sono davvero molte. In moti infatti abbiamo un amico, un familiare o un conoscente che è rimasto vittima di un infortunio sul lavoro.

Riceviamo moltissimi contatti di persone che hanno subito un danno di questo genere.Ci siamo resi conto che poche persone però conoscono esanno che c’è differenza tra l’Indennizzo che viene pagato per dell’INAIL e il Risarcimento che invece viene pagato dal datore di lavoro e riconosciuto quale diritto del Codice Civile.

Risarcimento caduta accidentale

Telefona a Difeso e Risarcito392 800 33 98
Chiamaci subito!

Ottieni un parere gratuito!

Il 94.6% dei nostri clienti è stato risarcito!

Il danno che un lavoratore subisce in un infortunio sul lavoro viene infatti pagato per una parte dell’INAIL e dall’altra risarcito (come vedremo di seguito) dal datore di lavoro.

La legge prevede l’assicurazione obbligatoria presso l’INAIL per indennizzare i lavoratori che subiscono Infortuni sul Lavoro; questa assicurazione copre anche gli infortuni che si verificano nel tragitto che il lavoratore compie per recarsi sul posto di lavoro o per tornare a casa (il c.d. infortunio in itinere).

Altri tipi di risarcimento per infortunio sul lavoro

Testimonianze dei nostri clienti

Ero rassegnato, mi sono rivolto a Difeso e Risarcito con poche speranze per un sinistro avuto in Francia ma grazie a lui ho ricevuto il massimo del risarcimento e in tempi abbastanza brevi. Ancora grazie dell’aiuto che mi ha dato, non finirò mai di ringraziare per la sua grande professionalità.
S.P.
Mia sorella si è rivolta al Dott.Antonielli di “Difeso e risarcito” per un sinistro di cui era stata vittima che si trascinava da qualche mese senza soluzioni. Le ha risolto il problema in modo rapido, dimostrando efficienza e professionalità.
A.T.

 

INAIL: infortunio sul lavoro

Cosa viene considerato dall’INAIL come infortunio sul lavoro

L’INAIL considera un infortunio sul lavoro “un incidente che ha provocato la morte, l’inabilità permanente o temporanea, o comunque un danno che dia più di 3 giorni di prognosi“.

Per documentarsi direttamente sul sito dell’INAIL: https://www.INAIL.it/cs/internet/attivita/prestazioni/infortunio-sul-lavoro.html

Nella definizione si dice che infortunio deve essere causato da una causa violenta in occasione del lavoro La causa deve essere infatti improvvisa, intensa e deve provocare un danno psicofisico al lavoratore./p>

Contattaci subito e prenderemo in esame il tuo caso. Non chiediamo anticipi di denaro sino al risarcimento!

Tutti i campi sono obbligatori.

Nome e cognome

Email

Telefono

Ho preso visione e accetto le condizioni per il trattamento dei dati*

* Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il Reg. (UE) 2016/679 (GDPR)

L’infortunio in Itinere

È considerato anche Infortunio sul Lavoro il cosiddetto infortunio in itinere, ovvero quell’infortunio che avviene durante il tragitto compiuto per raggiungere (o per tornare) da casa al luogo di lavoro. Oppure quello compiuto per recarsi da un luogo di lavoro a un altro. O ancora quello che avviene nel tragitto che si percorre per andare a consumare il pasto (in assenza di mensa aziendale).

È anche risarcibile dall’INAIL quell’infortunio in itinere che avvenga nella deviazione del solito percorso se questa si è resa necessaria per accompagnare i figli a scuola, per una direttiva del datore di lavoro o per causa di forza maggiore.

Ultimamente è controverso se il risarcimento sia dovuto se il tragitto percorso con l’utilizzo di un mezzo anche quando tale uso sia indispensabile, come ad esempio nel caso in cui il luogo di lavoro non possa essere raggiunto, o non possa essere raggiunto in tempi brevi, con l’utilizzo dei mezzi pubblici oppure nel caso in cui il mezzo sia fornito o prescritto dal datore di lavoro per esigenze lavorative.

A quale risarcimento ho diritto?

Dipende. Per rispondere a questa domanda bisogna distinguere nei seguenti 2 casi.

1. Il Datore Di Lavoro NON È RESPONSABILE per l’incidente sul lavoro che ho patito:

L’incidente sul lavoro può avvenire anche per fatalità o per la colpa stessa del lavoratore. Se il datore di lavoro infatti ha rispettato tutte le norme di sicurezza, ha vigilato che il lavoratore seguisse queste norme e ha fatto la corretta formazione al lavoratore allora non è responsabile per i danni riportati dal proprio dipendente nell’infortunio di lavoro.

In questo caso interviene solamente l’INAIL che corrisponde comunque un indennizzo per il danno biologico riportato dal lavoratore.

IL Datore Di Lavoro È RESPONSABILE per il danno riportato dal proprio dipendente:

Il datore di lavoro è ritenuto responsabile dei danni riportati dal proprio dipendente in un incidente sul lavoro se non ha rispettato o non ha fatto rispettare le norme di sicurezza o se non ha formato correttamente il lavorato sull’uso di un macchinario. In questi casi il lavoratore oltre all’indennizzo dell’INAIL, come sopra descritto, ha diritto, secondo il Codice Civile, di ottenere il risarcimento completo: sia per i danni morali che per i danni esistenziali.

Esempi di Infortuni sul Lavoro che possono portare ad un risarcimento: caduta da ponteggio per non avere l’imbragatura, caduta da scala, amputazione dita, mano o braccio in un macchinario,

Che differenza c’è tra l’INDENNIZZO INAIL e IL RISARCIMENTO che si può chiedere in più?

L’indennizzo INAIL:
l’INAIL fornisce al lavoratore che ha subito un danno solo un indennizzo. L’indennizzo non comprende tutto il danno riportato dall’infortunato.

Danno derivante da invalidità temporanea (o danno biologico temporaneo):
L’INAIL non paga il danno biologico temporaneo, ma riconosce solo unaparte della retribuzione che spetta al lavoratore per il periodo in cui quest’ultimo si assenta dal lavoro a causa dell’infortunio sul lavoro.

Danno derivante da invalidità permanente (o danno biologico fermamente):
L’INAIL paga questa parte del danno solo per i casi in cui le lesioni superino il 5% di invalidità permanente.Se l’invalidità è superiore al 5% riconosce un indennizzo in un’unica soluzione; se superiore al 15% viene erogata un’indennità vitalizia.

Risarcimento oltre l’INAIL:
Caso diverso è invece se il lavoratore ha subito dei danni in seguito a un infortunio sul lavoro per colpa del datore di lavoro o per colpa di un collega. In questo caso infatti deve essere risarcita ogni voce di danno: sia quella patrimoniale che quella non patrimoniale. Questo tipo di risarcimento si somma a quello erogato dall’INAIL come indennizzo.

Le voci di RISARCIMENTO che l’INAIL non riconosce: sono il danno biologico temporaneo,la parte di percentuale di Invalidità Permanente (I.P.) tra lo 0% e il 5%, il danno esistenziale, il danno morale e una serie di altre voci. Tutti aspetti importantiche fanno aumentare considerevolmenteil risarcimento.

Questo è il danno differenziale, ovvero, come dice la parola, la differenza tra il danno indennizzato dall’INAIL e quanto deve pagare il datore di lavoro.

Si ricorda che l’INAIL corrispondere al lavoratore solo parte dello stipendio durante il periodo di infortunio.

Ho avuto un Infortunio sul Lavoro, cosa devo fare? La Denuncia e la Querela

Il Lavoratore deve denunciare immediatamente al Datore di Lavoro l’infortunio. Il Datore di Lavoro deve a sua volta denunciarlo all’INAIL entro due giorni  Indicando il suo codice fiscale.

In ogni caso il lavoratore deve fare espressa domanda all’INAIL entro tre anni e centocinquanta giorni dall’evento dannoso, compilando questo modulo di denuncia che è possibile scaricare sul sito dell’INAIL qui riportato.

Se hai avuto un infortunio sul lavoro la prima cosa che ti consigliamo di fare è di contattarci.

Se non hai subito lesioni gravi o gravissime potresti avere bisogno di depositare una querela per lesioni colpose a seguito di infortunio sul lavoro.

Le autorità competenti fanno le opportune indagini e valutano se c’è la responsabilità del datore di lavoro o dei colleghi e quindi se ci sono i presupposti per il risarcimento danni.

Sapremo aggiornarti su come sta procedendo l’indagine e integrarla degli elementi che potranno essere necessari per completarla e portarla avanti.

Lesioni di più persone

L’incidente ha prodotto lesioni a più persone? In questo caso, dice l’articolo 590 del Codice Penale, bisogna applicare la pena per la più grave delle violazioni commesse, aumentata sino al triplo. Senza tuttavia superare mai i cinque anni di reclusione.

Qual è il ruolo di DIFESO E RISARCITO?

Intervienire per verificare se vi è responsabilità del datore di lavoro e richiedere il risarcimento dei danni non riconosciuti dall’Inail (oltre a verificare la corretta liquidazione degli indennizzi e delle eventuali rendite Inail).

Qual è il vantaggio di rivolgersi a DIFESO E RISARCITO?

La disciplina della sicurezza sul lavoro è complessa e richiede esperienza nel settore sia con riferimento alla verifica della responsabilità del datore di lavoro sia con riferimento alla corretta liquidazione di tutte le voci di danno (patrimoniale, biologico e morale). Difeso e Risarcito si avvale di una rete di legali, consulenti tecnici, medici del lavoro e medici legali che hanno con il tempo maturato una specifica esperienza nel settore e potranno aiutare ed accompagnare il lavoratore ad ottenere un risarcimento adeguato, congruo e soddisfacente nel minor tempo possibile.

Se tu o un tuo caro avete diritto a un Risarcimento per Infortunio sul Lavoro, non esitare a contattarci, per un parere senza impegno, mettiamo a tua disposizione la nostra competenza e le nostre specificità maturate in numerosi anni di esperienza nel settore sia nell’assistenza giudiziale che stragiudiziale delle vertenze in ambito di infortunio sul lavoro.

Difeso e Risarcito assiste a 360° le persone che hanno subito un danno e i loro familiari ai fini di fare ottenere Giustizia e il Giusto Risarcimento per i danni subiti.

 

DIFESO e RISARCITO da diversi anni è leader nel settore della richiesta di risarcimento danni per le cadute accidentali. Contattaci senza impegno per avere il nostro parere. Analizzeremmo il tuo danno e se ci saranno tutti gli estremi anticiperemmo per te tutte le spese necessarie per farti ottenere il Risarcimento. Ci pagherai solo quando e solo se otterremo il tuo Risarcimento.

Telefona a Difeso e Risarcito392 800 33 98
Chiamaci subito!

Ottieni un parere gratuito!

Il 94.6% dei nostri clienti è stato risarcito!

Cerca nel sito

Scrivi nel campo sottostante la parola o la frase che cerchi.

Contattaci adesso!

Non ti chiederemo un euro!

Non rischi nulla: la pratica procede a nostre spese. Non ti chiediamo alcuna ricompensa fino al momento in cui tu verrai risarcito.

Nel raro caso in cui non sarà riconosciuto il risarcimento non ti sarà chiesto un euro!

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi